PROVE LIBERE AUTO
 
PROVE LIBERE MOTO
 
EVENTO GENERICO
 
NEWS
 
EMOZIONI IN PISTA
Vivi un'esperienza indimenticabile
Sei in: Home > NEWS&MEDIA > GTspirit.com


GTspirit.com


Italian trip

SOURCE

"Sin dal primo giorno del GTSpirit Tour d'Italia, torniamo con un rapporto molto speciale! Abbiamo iniziato infatti presso il nostro hotel appena fuori Modena, a quel punto ancora all'oscuro della avventuroso destino che ci attendeva.

La nostra prima tappa della giornata è stata la Pagani Automobili, il produttore di alcune delle vetture più desiderabili del mondo. Siamo stati accolti dal capo collaudatore, Davide Testi, il nostro fotografo Matteo locale e Luca Venturi, P.R. Con la nostra Audi R8 e la Pagani Huayra ci dirigiamo verso le colline a sud di San Cesario sul Panaro per esplorare il paesaggio mozzafiato e le super-hypercar a nostra disposizione. Uno dei nostri redattori ha già recensito la Pagani Huayra lo scorso anno, ma questa volta abbiamo scelto la Huayra per una funzione speciale che si potrà leggere su GTSpirit molto presto!

Dalla fabbrica Pagani ci dirigiamo verso le colline italiane nei pressi del Comune di Montese. Situato nei pressi della montagna più alta in questa parte dell'Appennino , Monte Cimone. Offre uno scenario spettacolare per qualche foto. Montese ha anche un castello medievale che sarebbe stato un ottima location per un paio di foto, ma purtroppo né l' Audi R8, né la Pagani Huayra potrebbero salire le ripide strade del castello. Nel centro del paese ci siamo fermati per la benzina, subito una folla si è raccolta intorno alle due vetture! Tra i presenti, il Sindaco di Montese, onorato della visita alla sua città con le due macchine impressionanti.

L'Audi R8 rossa, non solo a Montese , ma lungo tutto il percorso, ha ricevuto un sacco di sguardi e attenzioni. Solo quando la gente guardava più da vicino e notava che la macchina rossa era un Audi e non una vettura sportiva italiana purosangue, gli italiani mostravano il loro lato patriottico e esprimevano la loro preferenza per qualcosa di ' fatto in Italia ' .

Questa parte dell'Appennino, al confine tra la Regione Emilia -Romagna e la provincia di Toscana, è molto tranquilla, così abbiamo avuto un sacco di opportunità per fermarci e guidare le due vetture su alcuni dei migliori tratti di strade. Nel confronto diretto con l'Audi , sorprende quanto è confortevole la Huayra. La Pagani è in realtà più confortevole rispetto alla Audi. Questo livello di comfort non è in alcun modo un compromesso, la Huayra su Pirelli P Zero Corsa è come se fosse su rotaie .

Una delle caratteristiche migliori e più singolare della Pagani Huayra è la sibilo frizzante dei turbocompressori. A partire da 2.000 giri i turbo cominciano gradualmente a fornire più coppia e potenza, mettendo il piede verso il pavimento si è scatenata con una accelerazione sensazionale e brutale che è certamente spaventosa per la gente non abituata. Un'altra dimensione di questa esperienza è stata aggiunta quando siamo andati via con le finestre aperte, il rumore generato dalle prese d'aria a destra dietro i finestrini laterali ci ha sconvolti e ci ha affascinati, accelerando più e più volte e provando più e più volte. Se mai vi troverete in una Huayra fate in modo di aprire le finestre!

Da qualche parte vicino a Zocca abbiamo trovato una piattaforma di atterraggio per elicotteri, che era perfetta per un servizio fotografico con la Pagani Huayra. Con tutte le porte e il cofano aperto ha una trasformazione a differenza di qualsiasi altra macchina. Aggiungi il cielo azzurro con alcune nuvole e una vista mozzafiato sulle colline e vallate e si ha l'immagine perfetta!

Dopo una mattinata meravigliosa tra le colline italiane siamo dovuti tornare indietro a Modena per una sorpresa speciale organizzato da Pagani. Sulla via del ritorno alla fabbrica abbiamo avuto l' opportunità di paragonare l'Audi R8 V10 Plus alla Huayra in autostrada italiana. Come previsto la Pagani mostra la differenza tra supercar e hypercar molto chiaramente . La facilità con cui la Huayra si allontana dalla R8 è una cosa che ci dà una sensazione di dejavu in seguito.

La prima sorpresa che Pagani ha organizzato per noi era per il nostro fotografo Philipp, in particolare, come regalo di compleanno Davide Testi lo ha portato fuori in Pagani Huayra per un giro un po 'speciale. Credo che abbia pienamente goduto, più di 24 ore dopo è ancora sorridente da orecchio a orecchio. Dopo una piccola chiacchierata con Davide abbiamo ancora una volta una sorpresa con la R8 e Huayra. Mezz'ora dopo siamo arrivati ​​al nuovo circuito di marca di Autodromo di Modena . Uno dei più moderni impianti di gara in Italia e spesso utilizzati per le prove dai produttori della zona, come Ferrari, Maserati e Pagani. Prima del nostro arrivo un evento motociclistico avvenuto ma ormai la pista era tutta nostra!

Abbiamo trascorso il resto del pomeriggio e della sera guida a tirare in pista. Con poco più di 2 chilometri di lunghezza e Giro Veloce in circa 1 minuto e 15 secondi. Avere la pista tutta per noi significava che avremmo potuto fermare, girare e parcheggiare come ci è piaciuto, un'occasione unica soprattutto con la Huayra e la  R8 rossa V10 plus. Ad un certo punto abbiamo anche usato la Huayra come auto di servizio più esclusiva fotocamera per scattare foto della R8!

Con il tempo abbiamo finito la nostra pistata, il sole era andato lungo e tutti noi erano affamati! Questo significava avere una guida per un ristorante italiano a Modena, guidati dal proprietario di tutto il tracciato, seguita dalla Pagani Huayra, l'Audi R8 e il nostro fotografo Matteo con la sua Mercedes. Un grande spettacolo vedere la Huayra scivolare nel buio davanti a noi. Proprio come l'ultimo giorno andiamo a mangiare una pizza, un giorno incredibile, dal guidare la Huayra tra le colline italiane, giro di Philipp con Davide e la nostra sessione privata presso l'Autodromo di Modena.

La nostra cena solo brevemente interrotta dal suono di un V10 di partenza, non può essere il nostro R8, può? Nonostante la chiave sul tavolo di fronte a noi, ci dirigiamo fuori solo per trovare una GT Porsche Carrera che lascia parcheggio del ristorante. Si scopre che non siamo l'unico con un V10 in città oggi! Abbiamo deciso di tornare a Monaco di Baviera, ma stasera abbiamo disperatamente bisogno di carburante. Riceviamo un altro accompagnamento all'autostrada dal proprietario dell’Autodromo di Modena e lì salutiamo la Huayra, addio dopo una giornata incredibile.

Poco prima si passa il casello di Modena Nord avvistiamo una parte coperta Ferrari LaFerrari di fronte a noi. Abbiamo preso un biglietto e accelerato verso l'autostrada, l'Audi R8 V10 Plus è veloce ma non può competere con la LaFerrari che è chiaramente in missione. Anche se saremmo riusciti a tenere il passo con lei non ci sarebbe durato a lungo, perché la nostra autonomia rimanente è scesa a un preoccupante 10 chilometri. Ci fermiamo per la prima stazione di benzina e riempire la R8 con un altro serbatoio di Super Inoltre, l'Italia deve avere il carburante più costoso in Europa, ora come abbiamo pagato più di 2 euro al litro

Molto soddisfatto del giorno completo ci dirigiamo fuori nel buio sulla strada per Monaco di Baviera. Viaggio in direzione della Germania vediamo all'improvviso i fari di quello che sembra un Ferrari 458 Italia dietro di noi. Le nostre mascelle cadere quando si scopre la sua non è una Ferrari 458 Italia sorpassi noi ma due LaFerraris Ferrari. Una con un posteriore leggermente camuffato, l'altra completamente mascherato. Philipp ha la sua macchina fotografica pronta a scattare appena le raggiungiamo in viaggio lungo con le due LaFerraris. Dopo pochi minuti ci accade la cosa che abbiamo tanto sperato da quando abbiamo costituito il nostro Tour d'Italia, le due LaFerraris accelerano a fondo.

Lasciamo snocciolare le marce cercando di tenere il passo, ma il 550hp V10 della R8 V10 plus non può contro i 963hp V12 dell’ibrida Ferrari. Tutto quello che possiamo fare è guardare e sorridere mentre  LaFerraris si allontana. A pochi chilometri lungo la strada troviamo le Ferrari fermarsi nei servizi per la pausa caffè e decidiamo di seguirli. Entrambi i collaudatori sono, come potete immaginare, non sono molto favorevoli alle foto. Ma la Ferrari probabilmente capirà che non abbiamo potuto resistere a questa opportunità.

Dopo l'introduzione del LaFerrari al Ginevra Motor Show 2013 è bello vedere la macchina malcelata sulla strada e vedere quello che è in grado di realizzare. L'accelerazione è stata così rapida che non abbiamo alcun dubbio che sarà un serio contendente nella battaglia hypercar che si sta svolgendo quest'anno.

Le due LaFerraris, vetture di prova per test di durata , avevano entrambe estintori installati sul sedile del passeggero, come normale nella procedura di sicurezza e hanno percorso oltre 15.000 chilometri in ventiquattro. Non più di tanto rispetto alla Huayra che abbiamo guidato, che ha oltre 80.000 chilometri.

L'incontro speciale con il LaFerraris sulla strada di casa è stato sicuramente la ciliegina sulla torta di uno dei nostri giorni più memorabili di sempre. Il resto del viaggio è stato facile e finalmente siamo arrivati a  Monaco alle 3.30 del mattino, 16 ore e un milione di impressioni incredibili dopo che abbiamo fissato di presso il nostro hotel a Modena.

Vorremmo ringraziare Pagani Automobili, Autodromo di Modena, Matteo Grazia, Philipp Rupprecht, i due collaudatori LaFerrari e naturalmente Audi per il successo della prima GTSpirit Giro d'Italia!"





Partner
© 2013 Autodromo di Modena | AERAUTODROMO MODENA S.p.A. - P.Iva 01890090366 - REA MO-250566 - Cap. Soc. € 3.400.950,00 i.v. | Privacy | Cookie Policy | Credits